Italismani

Il blog degli Insegnanti dell'Istituto Italiano di Cultura di Barcellona

Non solo Pausini, Ramazzotti… altre proposte tutte da ascoltare!

| 0 commenti

Come promesso, torniamo a parlare di musica italiana, proprio a pochi giorni dall’ultima edizione del celeberrimo Festival di Sanremo, l’evento più importante e famoso al mondo riguardante la musica italiana.

È ormai risaputo che ascoltare della buona musica in una lingua che stiamo imparando, ci aiuta non solo a venire in contatto con parole ed espressioni nuove, ma ci offre una buona porzione di cultura del paese di origine.

Qualche mese fa vi ho proposto una selezione di artisti italiani, e, a grande richiesta, torno a offrirvi altri suggerimenti riguardanti la musica italiana moderna. In questa selezione troverete cantanti, cantautori e gruppi più o meno conosciuti e appartenenti a generi diversi. Come già detto, è difficile soddisfare tutti i gusti, ma spero di poter trovare “la musica giusta per le vostre orecchie”.

 

Francesco Gabbani

Cominciamo con l’ultima novità, ovvero il vincitore del Festival di Sanremo 2017. Francesco Gabbani, toscano, non solo ha vinto quest’anno il primo premio nella categoria “Campioni” ma ha anche vinto l’anno scorso nella categoria “Nuove proposte”. Ha raggiunto il successo proprio grazie alla canzone presentata nel 2016, “Amen”, che ha attirato subito l’attenzione dei critici musicali e che ha vinto numerosi premi.

Ma il riconoscimento più ambito è arrivato quest’anno, con il singolo “Occidentali’s Karma”, un pezzo ricco di citazioni che è già diventato un vero e proprio “tormentone”.

 

 

 

Fiorella Mannoia

 Era stata data per favorita come vincitrice del Festival di Sanremo 2017, e invece questa volta ha ottenuto il secondo posto. Vanta una lunga carriera come cantante e cantautrice, ma si distingue dalle altre artiste italiane per il suo timbro di voce molto particolare. Ha portato al successo molti pezzi storici della canzone italiana, come “Quello che le donne non dicono” di Enrico Ruggeri e “Sally” di Vasco Rossi. Ecco un altro suo pezzo famosissimo:

 

 

Noemi

Giovane artista romana che in poco tempo è diventata una delle più grandi interpreti della scena musicale italiana contemporanea. Possiede una voce molto particolare e il suo stile è particolare e coinvolgente. Ha sperimentato vari generi musicali: dal soul al rock, dalla musica d’autore al rhythm and blues.

 

 

Paola Turci

Esordisce anche lei al Festival di Sanremo nel 1986. È una cantautrice romana che ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti non solo per la sua musica ma anche per il suo costante impegno sociale.

Il video che vi propongo è tratto dall’evento “Amiche per l’Abruzzo” del 2009, organizzato per raccogliere fondi destinati ai terremotati dell’Abruzzo. Paola Turci esegue uno dei suoi brani più celebri, “Bambini”, insieme a Marina Rei e Carmen Consoli.

 

 

Giusy Ferreri

Si è dedicata alla musica fin da piccola, ma raggiunge la fama soltanto nel 2008, grazie alla sua partecipazione al programma XFactor Italia dello stesso anno. Ha venduto moltissime copie dei suoi dischi in tutto il mondo e ha ottenuto molti premi e riconoscimenti. Ha una voce potente e molto originale, come si può notare dalla sua canzone più celebre:

 

 

Almamegretta

Gli Almamegretta sono uno dei gruppi più rappresentativi della buona musica alternativa italiana. Formatisi a Napoli alla fine degli anni ‘80, si caratterizzano per una ricerca continua di sonorità particolari e originali. Loro stessi definiscono la propria musica come “una miscela di rock alternativo, reggae, dub e canzoni napoletane”. Sono stati più volte nominati “i Massive Attack italiani”, e infatti vantano anche delle collaborazioni con il famoso duo trip-hop britannico.

 

 

 

99 Posse 

Gruppo unico nel suo genere nella scena musicale italiana. Sostenuti dagli Almamegretta, i 99 Posse si fanno presto conoscere per il loro stile personalissimo. Si formano a Napoli nel 1991 e la loro musica nasce come espressione della critica sociale e impegno politico. Tra i musicisti più celebri del gruppo troviamo Meg (ora cantante solista) e Zulù (ancora oggi cantante del gruppo). La musica dei 99 Posse è una fusione tra il reggae e il political rap e cantano sia in italiano che in napoletano.

 

 

 

Litfiba

Nel 1980, in una cantina di via De’ Bardi di Firenze, inizia la storia di uno dei gruppi più emblematici del rock e della new wave all’italiana. Nel corso della loro carriera hanno ottenuto molto successo ma sono stati anche duramente criticati verso la fine degli anni 90. Il motivo? Per aver deluso i loro fan più “puristi” passando a uno stile più pop-rock e meno originale. In questo modo, però, si sono conquistati un’altra fetta di pubblico. Avranno fatto bene?

Ecco un pezzo del 1993:

 

 

Marlene Kuntz

Altro gruppo emblematico della musica italiana. Piemontesi, attivi dalla fine degli anni ‘80, sono riusciti a fondere il rock più duro con quello melodico, ma anche il rock alternativo con la canzone cantautoriale. Il loro primo album, “Catartica”, del 1994, rappresenta uno dei pilastri della musica indipendente italiana. Hanno collaborato con artisti di fama internazionale, tra cui la cantante Skin del gruppo inglese Skunk Anansie.

“Nuotando nell’aria” è uno dei pezzi contenuti in “Catartica”.

 

 

 

Zucchero

Cantautore e musicista emiliano, famoso per avere fuso nella sua musica il soul e il blues con la musica leggera italiana. Attivo dagli anni ‘80, ha pubblicato numerosi album di successo (26), tra cui “Oro, incenso e birra” del 1989, il disco italiano che per più tempo è stato il più venduto al mondo.

Ray Charles ha detto di lui: « Questo ragazzo è così talentuoso… Una voce incredibile… Sicuramente uno dei migliori artisti blues con cui abbia mai lavorato. »

Infatti Zucchero ha collaborato con moltissimi artisti italiani ed internazionali e ha scoperto e lanciato alcuni tra i più famosi artisti al mondo, come Andrea Bocelli.

“Baila morena”, nella versione con il gruppo messicano Maná, è probabilmente il suo brano più conosciuto in Spagna e in America Latina.

 

 

 

Bluvertigo

Tra il synth pop e il rock sperimentale, i Bluvertigo si sono fatti riconoscere nel panorama musicale italiano grazie al suono peculiare della loro musica e alle loro esibizioni. I Bluvertigo sono frutto dell’amicizia tra il poliedrico cantautore e polistrumentista Marco Castoldi (in arte Morgan) e Andrea Fumagalli (in arte Andy). Hanno partecipato più volte al festival di Sanremo, riscuotendo critiche spesso molto positive per la loro originalità. Nel 2002 hanno addirittura aperto un concerto di David Bowie!

 

 

 

Enrico Ruggeri

È un cantautore e scrittore milanese che ha iniziato la sua carriera verso la prima metà degli anni 70, a soli 15 anni. Nel 1978 fonda i Decibel, uno dei gruppi più celebri del punk italiano. Pochi anni dopo intraprende la sua fortunata carriera solista, che lo porterà a vincere per due volte il festival di Sanremo. Oltre ad essere un ottimo cantante, è autore di molte canzoni italiane famose interpretate da altri cantanti italiani come Gianni Morandi e Fiorella Mannoia.

 

 

 

Francesco Renga

Cantautore bresciano, è famoso per essere stato per molti anni il cantante del gruppo Timoria. Dopo aver intrapreso la sua carriera da solista, ha messo da parte le sonorità decisamente rock dei Timoria per dedicarsi ad uno stile più pop-rock intimista.

Si è presentato più volte al Festival di Sanremo, e ha vinto il primo premio nel 2005 con la canzone intitolata “Angelo”, dedicata a sua figlia.

 

 

Irene Grandi

Cantautrice fiorentina che ha raggiunto l’apice del suo successo nel 1995 con il disco “In vacanza da una vita”, si caratterizza per il suo stile che spazia tra pop, rap, soul, blues e musica leggera italiana. È famosissima in Italia e ha collaborato con moltissimi musicisti italiani e internazionali, che l’hanno portata a cantare in spagnolo, inglese, tedesco, indiano e lingue africane.

 

 

Mia Martini

Una delle voci più emozionanti, espressive ed emblematiche della storia della musica italiana. Questa artista calabrese inizia la sua carriera negli anni 60, facendosi conoscere in poco tempo per le sue interpretazioni cariche di intensità e raffinatezza. Charles Aznavour disse che era una delle rare voci femminili in grado di emozionarlo, e non solo lui ha riconosciuto il suo enorme talento. Ha vinto numerosissimi premi e riconoscimenti e ha collaborato con moltissimi artisti italiani e stranieri.

Muore nel 1995 in circostanze ancora da chiarire. Eccola in uno dei suoi pezzi più rappresentativi, nonché uno dei capolavori della musica italiana moderna:

 

 

Loredana Bertè

Sorella minore di Mia Martini (il cui vero cognome, appunto, era “Bertè”), ma con uno stile musicale orientato verso il pop-rock. Condivide con la sorella una forte carica emozionale nelle sue interpretazioni e una voce emozionante e potente. Si è cimentata anche come attrice, ballerina e conduttrice, prima di intraprendere la sua carriera come cantante nella seconda metà degli anni 60. È famosa per il suo atteggiamento ribelle e anticonformista, che si riflette nelle sue canzoni: ha affrontato temi poco comuni nella musica italiana degli anni 70, come il sesso, la droga, il femminismo e la guerra.

“Non sono una signora” è uno dei suoi brani più rappresentativi:

 

 

 

Ancora una volta, spero che troverete la musica ideale per le vostre orecchie e che questo breve viaggio nella musica italiana vi dia nuovi stimoli per imparare o migliorare il vostro italiano grazie al piacevole aiuto delle canzoni.

 

 

Send to Kindle

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.